Vai al contenuto

Sei pronto ad entrare nel mondo del local marketing? Scopri il web marketing locale per le PMI

local marketing

“Guarda il cielo, se vuoi vedere la luna…

Lo sapevi che il 50% circa delle ricerche da smartphone sono ricerche locali e il trend è in crescita costante? Ciò significa che la gente, una volta su due, cerca dal proprio telefonino un parrucchiere, una pizzeria, un fisioterapista, un’agenzia di viaggi o qualsiasi altra attività come la tua, presente nel territorio.

Google ha compreso ormai da tempo tutto questo e sta puntando molto sulle attività locali, offrendo loro una serie di strumenti gratuiti e opportunità di posizionamento sul web, un vero e proprio marketing per le PMI del futuro.

Quindi non ci sono più scuse: puoi acquisire nuovi clienti con costi davvero limitati, adottando una strategia di local marketing digitale, ma devi iniziare oggi. Noi possiamo aiutarti a fare questo. Seguimi in questo articolo sul web marketing locale per le PMI e capirai come.

Quale attività locale può avere successo con l’uso del local marketing?

Bella domanda! Prima di tutti domandiamoci: quale azienda può essere considerata davvero “attività locale” e quindi si adatta al local web marketing?

Nel tempo, non di rado ci siamo imbattuti in clienti che pensavano di essere un business locale, ma non lo erano affatto. Parliamo, ad esempio, di aziende che avevano orientato la loro produzione esclusivamente sull’export. Tipicamente si tratta di aziende trasferitesi in Svizzera dall’Italia per motivi fiscali e logistici, ma che continuano a vendere prevalentemente in Italia i propri beni o servizi.

Un altro caso di business locale al quale non abbiamo potuto applicare le regole del local marketing sono i franchising: se gestisci un negozio o un ristorante di una catena multinazionale, avrai sempre ridotte possibilità di agire sul fronte del local web marketing. Le strategie saranno sicuramente stabilite dalla “casa madre” e tu non potrai che adattarti e fare quello che ti dicono.

Vi sono poi settori di attività molto vasti che sono davvero border line. Pensiamo al settore della vendita di servizi turistici: dalle agenzie che si occupano di turismo rurale e quindi fortemente local, ma che non operano con pubblico locale (tipicamente con turisti dall’estero), perdendo la connotazione di business locale. Per contro, abbiamo collaborato con agenzie di viaggi di paese che sono un punto di riferimento per il proprio quartiere anche se operano sul mercato dei viaggi all’estero (e queste sono certamente un business locale). Per finire con gli operatori turistici che vendono solo online o che, peggio ancora, sono orientati al B2B (e quindi non sono certo da considerarsi adatti al local web marketing). Complicato, vero?

Per questo è importante essere certi che il nostro business sia davvero locale, per mezzo di una specie di “test local web marketing” che potrai svolgere tu stesso per valutare la tua attività e certificarla “local“!

Locale, unico, fatto con il cuore e…

Come è ovvio, un’attività locale deve essere per prima cosa geo localizzata. Non importa che tu fornisca beni o servizi presso la tua sede (brick and mortar come si dice in gergo tecnico) o a domicilio. Ma non sei un’attività locale se la tua sede si trova a 200 km di distanza dal luogo di vendita dei tuoi beni e servizi. Se gestisci uno shop online, non puoi considerarti attività locale se i tuoi clienti non abitano nella tua zona.

Non voglio dire che questo sia un male: semplicemente gli strumenti del local marketing non fanno al caso tuo, se non sei parte del tuo territorio. Dovrai rivolgerti, in questo caso, al digital marketing classico, quello che usano le grandi aziende, per intenderci. E’ l’esempio dell’operatore turistico che lavora sul turismo incoming per la regione in cui si trova, ma per un pubblico che proviene esclusivamente dall’estero.

Fare web marketing all’interno della propria regione, in un raggio limitato, è una cosa ben diversa dal farsi conoscere all’estero.

Per seconda cosa, la tua azienda deve avere qualcosa di “unico”: anche se ci sono molti tuoi concorrenti che si occupano di fisioterapia (per fare un esempio) tu avrai certamente qualcosa che ti caratterizza in modo particolare e ti permette di distinguerti dagli altri. Non sei “meglio” degli altri, hai qualcosa di “diverso”. In gergo tecnico, questi sono chiamati i tuoi Unique Selling Points (USP) del digital marketing.

Il caso emblematico di un’azienda solo apparentemente local è il franchising: se sei un punto vendita locale di una catena di prodotti o servizi, non ti puoi certo definire “unico”. Come minimo, la casa madre dispone di un grande sito di e-commerce che permette di acquistare i prodotti online e di bypassare il tuo negozio.

Quindi: una pompa di benzina o un Mc Donald’s difficilmente saranno da considerarsi attività locali, perché non sono “uniche”: puoi scegliere un distributore o l’altro solo per le differenze di prezzo. Mentre per quanto riguarda il Mc Donald’s, beh… andrai in quello più vicino o quello in cui gli amici ti stanno aspettando. Non certo per l’hamburger più buono…

Nota bene: non è detto che la tua unicità, ossia quel “qualcosa in più che offri” sia il servizio o il bene in sè. Potrebbe essere, infatti, tutto quanto sta “prima” e “dopo” l’erogazione del servizio, ossia la percezione della qualità.

Il terzo e ultimo aspetto è la passione, che è il “sale” di ogni attività locale: perché l’amore per il proprio lavoro e per il proprio territorio può essere trasmesso solo da te. Ogni giorno apri il tuo negozio, laboratorio, officina o studio pensando ai tuoi clienti, che sono persone reali, che vivono nella tua zona e  per le quali sei un punto di riferimento.

L’acquirente moderno non esige solo un ottimo prodotto, ma anche di sentirsi “coccolato” e seguito, al centro dei tuoi pensieri. Non per nulla tra gli esperti di marketing gira questo gioco di parole: il consumatore moderno è diventato un CONSUM-ATTORE. Ricordalo!

….e adatto a Google My Business

Come ho già detto, ci sono numerose attività geo localizzate che si trovano in una “zona grigia” e in questi casi è difficile comprendere se la propria PMI sia realmente un’attività locale e adatta al local web marketing.

Se non sei riuscito a chiarirti le idee con il test che ti ho appena proposto, ti invito a un secondo test, una “prova del 9” assolutamente infallibile: la prova di pertinenza a Google My Business!

Conosci Google My Business? Ne parliamo in dettaglio un pò più avanti in questo articolo, ma per il momento ti basti sapere che Google My Business è l’interfaccia web che ti permette di inserire e modificare i tuoi dati su Google Maps. La maggior parte dei tuoi clienti cerca le aziende locali inserendo il bene o servizio a lui necessario su Google Maps. E lo fa in genere solo se tu sei un’attività local! Nessuno si metterebbe a cercare Amazon su Google Maps e nemmeno Barilla o Autostrade per l’Italia.

Ecco la “prova del nove” della tua attività locale: se i tuoi clienti ti cercano su Google Maps, nel 90% dei casi vuol dire che sei un’attività locale e il web local marketing sicuramente fa per te.

Qualche esempio? Un ristorante, una pasticceria, un elettricista, un fisioterapista, un negozio di strumenti musicali, un’agenzia viaggi, un riparatore di biciclette. Sono tutte attività che vengono ricercate su Google Maps e tu devi essere visibile ai primi posti della ricerca per la tua zona.

Per fare l’esempio opposto: difficilmente un turista americano andrà a cercare su Google Maps un operatore turistico di Milano. Oppure la filiale nella propria città di una catena di franchising o la sede di un sito di e commerce. In questi casi (e in molti altri) è evidente che il cliente concentrerà le ricerche su Google e sulla rete di ricerca in generale, non partirà da Google Maps.

In generale, pensa sempre alla comunità attorno a te: se sei parte di quella comunità, se la conosci e interagisci con essa, allora sicuramente il web local marketing ti aiuterà a entrare in una nuova dimensione.

Ora non ci resta che proseguire nel nostro percorso per comprendere come il digital marketing può essere usato a livello di local marketing digitale o local web marketing.

Che cosa è il local marketing o web marketing per le PMI?

Il local marketing è come una potente jeep che si arrampica su una strada di montagna inesplorata.

Per contro, il digital marketing tradizionale, del quale hai sentito forse parlare da qualche web agency, è una specie di automobile da corsa che può girare solo su circuiti da competizione perfettamente asfaltati.

Perché dico questo? Per la differenza fondamentale che passa tra questi due mondi. Il digital marketing “puro”, infatti, non è applicabile alle attività locali e te lo dimostrerò. L’errore più comune che compie un’azienda locale, quando vuole rendersi visibile sul web, è quello di rivolgersi a una web agency classica. Vediamo perchè non funziona!

Primo problema: il digital marketing si dice che è data driven, ossia basa le scelte strategiche sul maggior numero di dati statistici disponibili, combinandoli in vario modo. Questi dati, una volta analizzati, sono come il mirino di un’arma da fuoco: ci permettono di non sbagliare nell’individuare il nostro audience, le cosiddette buying personas, e intraprendere molte altre scelte che saranno quasi sempre corrette.

I dati sono utilissimi, nessuno lo mette in dubbio. E la differenza la fanno proprio gli specialisti in grado di interpretare questi dati nel modo più vantaggioso, per arrivare a scelte strategiche mirate.

Devi sapere, tuttavia, che a livello locale i dati disponibili sono pochi. E’ come trovarsi con un gruppo di 10 amici a un tavolo del bar e chiedere ai due che ti stanno seduti a fianco quello che vogliono bere, usando la loro risposta per fare la comanda di tutta la compagnia.

Disporre di pochi dati ci impedisce di trarre conclusioni generali utili e rischiamo di farci molto male, spendendo inutilmente somme di denaro in strategie digitali solo apparentemente basate sui dati. I dati, quindi, sono come il circuito di gara di un’autovettura sportiva, ma se abbiamo da percorrere un sentiero di montagna inesplorato beh… molto meglio usare una jeep!

Abbiamo visto che il local marketing per le PMI è un sistema “ibrido” che unisce strategie di marketing classico con alcune tecniche del digital marketing o del web marketing (che sono pressoché sinonimi). Prendiamo solo quelle che non richiedono una mole di dati importante per lo sviluppo di una strategia di marketing digitale, ad esempio il mail marketing.

Ci serve quindi un’autovettura, come la jeep appunto, che è in grado di percorrere una strada asfaltata, ma anche un percorso accidentato e inesplorato.

Nel local marketing, tra l’altro, disponiamo di vari strumenti gratuiti offerti da Google perché Google, come abbiamo già scritto, ama le attività locali.

I limiti del local marketing per le PMI

Non esiste una medaglia senza il suo rovescio ed è quindi necessario fare una precisazione molto molto importante, perchè spesso si leggono articoli web dove il Local Marketing viene confuso con il digital marketing data driven.

Quindi ricorda questo punto importante: il local web marketing serve per promuovere la tua PMI a livello locale ma non deve essere impiegato se intendi scalare ed entrare in un mercato esterno.

In altre parole, se produci originali cappelli e la tua clientela locale ti sta stretta, sai di non avere clientela potenziale a sufficienza e decidi di espanderti (di scalare), devi farlo al di fuori del tuo mercato di origine. In questo caso, NON ti serve il web local marketing, ma devi adottare una strategia di digital marketing globale, che necessita chiaramente di specialisti e di una web agency strutturata.

Alcuni strumenti fondamentali del digital marketing locale per le pmi alla portata di tutti

Tornando al local web marketing , abbiamo detto che possiamo usare alcuni strumenti del web marketing digitale per la nostra attività locale anche se non disponiamo di dati statistici precisi e in grande numero. Qui di seguito ti presentiamo i “ferri del mestiere” del local marketing che devono necessariamente esserci nella tua “cassetta degli attrezzi digitale”: primo un profilo di Google My Business, secondo la tua pagina aziendale su Facebook, terzo l’email marketing. Vediamoli con maggior attenzione…

Google My Business

Se sei il proprietario di un’attività locale o di una PMI, è un vero e proprio “delitto” non fare uso di questo incredibile strumento GRATUITO di Google e anche del sito web gratis di Google My Business.

Tornando a Google Maps: molte volte ti sarai domandato perché su Google Maps alcune attività risultano così ben evidenziate, mentre altre hanno un segnaposto grigio e con pochissimi dati? E magari ti sarai stupito di vedere che la tua attività contiene già dei dati e delle foto caricati…..ma da chi, se non lo hai fatto tu?

Ebbene, tieniti forte! Chiunque, soprattutto le Local Guides di Google Maps, che sono dei veri e propri influencer, può aggiungere foto, recensioni, domande e anche risposte al tuo profilo My Business che tu lo voglia o no. E magari sono delle belle foto e dei dati corretti, ma…non li hai scelti tu!

E quelle domande con risposte che sono comparse all’improvviso? come è possibile che tu non abbia potuto controllarle e adesso ti ritrovi con risposte imprecise sui servizi e beni che fornisci date da uno sconosciuto? Certo, perchè Google Maps a chiunque di porre domande relative alla tua attività, ma anche di rispondere!!!

Tra l’altro, ci sono migliaia di attività, in qualsiasi città del mondo, non rivendicate dai proprietari, con il rischio che vengano totalmente gestite da altri, peggio ancora se concorrenti.

Non aspettare un minuto di più: prendi pieno possesso ora della tua attività su Google Maps perché rischi davvero grosso a lasciare il profilo in balìa degli eventi e, magari, anche dei concorrenti. Non sai come fare? No panic, ci siamo noi. Ci occupiamo di local marketing e web marketing locale a Milano e in Ticino.

Ovviamente non si può parlare di Google My Business senza parlare di recensioni, ma trattiamo di local marketing e recensioni in questo articolo che ti consigliamo di leggere al più presto.

La pagina aziendale di Facebook

Questa è la parte che forse ti piace di più, se già usi Facebook. E magari sei anche molto bravo a scrivere post! Allora abbiamo una buona notizia per te: Facebook è uno strumento eccellente per il local marketing!

Un primo consiglio: non gestire la tua attività locale con il profilo personale, dato che il profilo aziendale, oltre che essere gratuito, può dare accesso a molte funzionalità aggiuntive, soprattutto legate alla pubblicità PPC (pay per click). Inoltre, hai certamente diritto a vivere una vita privata al di fuori dell’orario di lavoro, separando quindi nettamente i post di lavoro da quelli privati.

I post aziendali richiedono regolarità e giorni / orari da rispettare per un maggiore coinvolgimento del tuo pubblico. Massima libertà, invece, per i post con le foto della tua famiglia!

Segui questi consigli per far diventare i tuoi clienti collaboratori, trasformandoli in influencers. Per il momento, ti basti sapere che molti esperti pubblicitari considerano la pubblicità a pagamento su Facebook come la più efficace, tra quelle disponibili nel mondo del pay per click.

Ovviamente i risultati di qualsiasi campagna dipendono sempre e comunque da come la imposti: pagare solo per rendere maggiormente visibile un semplice post non sortirà grandi risultati. Il vero contenuto del post è ben più importante.

Ricordati che nel 2021 la consapevolezza di un brand locale è estremamente difficile da raggiungere e quindi potrebbe essere più semplice promuoversi subito per quello che concretamente offriamo al nostro Territorio, senza complicati giri di parole.

Tra l’altro, Facebook è il social più radicato a livello locale in tutte le fasce di età della popolazione. E’ anche il social decisamente più utilizzato dai baby boomers, i mitici 46/64 (ossia chi è nato tra il 1946 e il 1964) che sono quella parte della popolazione con maggiori possibilità economiche.

Infine, Facebook è anche la piattaforma più multimediale che vi sia, essendo molto usata anche per i contenuti video che possono diventare facilmente “virali” (nella tua comunità, ovviamente😊).

E mail marketing

Se le due tecniche precedenti sono mirate al coinvolgimento di nuovi clienti, chi si occupa dei clienti storici e li fidelizza, se ne prende cura e li coccola? Beh, certamente l’email marketing che, una volta strutturato correttamente, è una tecnica di una semplicità sconvolgente.

Quanti anni fa hai incominciato a usare la posta elettronica? Forse nemmeno te lo ricordi. Beh, devi solo continuare a usarla, ma con il supporto di sistemi che ti aiutano ad automatizzare certi processi ripetitivi, come ad esempio Mailchimp (che probabilmente già conosci e usi a livello base). Ricorda: l’automazione è amica del digital marketing!

Con poche ore di lavoro, infatti, è possibile impostare un sistema automatico che ti permetterà, dopo aver inserito gli indirizzi email dei tuoi clienti, di inviare loro una serie di messaggi automatizzati con un benvenuto, un omaggio per il compleanno, offerte speciali e qualsiasi altra informazione, addirittura personalizzandola. Più facile di così!

Proprio l’email marketing è il sistema più semplice e anche più efficace di local marketing tra quelli che ti ho indicato. Basta essere in grado di scrivere una mail ogni tanto e, ovviamente, rispondere sempre a quelle dei tuoi clienti.

Certo, impostare una campagna email automatizzata (o drip feed ) non è semplicissimo e avrai bisogno di un tecnico. Ma per questo ci siamo noi, che siamo un’agenzia web marketing a Milano e Ticino! E, una volta impostata, lavorerà per te, senza altri costi.

E il classico sito web?

Hai ragione, non ho inserito nell’elenco degli strumenti un sito web. Non l’ho fatto per molte ragioni e ora te ne spiegherò alcune, mi auguro siano convincenti:

  • Un sito web ti può costare, da solo, più di tutti gli altri strumenti sopra indicati e, di per sé stesso, non ti porterà un solo cliente in più se non lo promuovi nel modo giusto. Ossia, un bel sito è solo un biglietto da visita, se non viene fuori su Google quando la gente cerca determinate parole chiave.
  • Un sito web necessita di continuo aggiornamento e manutenzione. Perché le informazioni cambiano, ma anche a causa degli aggiornamenti tecnologici che avvengono di continuo sulle diverse piattaforme. Significa che avrai costantemente bisogno di assistenza a pagamento, oppure il tuo sito “appassirà” come fiore rimasto senz’acqua.
  • Un sito web gratuito puoi averlo facilmente tramite Google My Business: non sarà certo un sito “spaziale” ma avrà, in compenso, migliori possibilità di posizionamento sulla ricerca, trovandosi all’interno dell’ecosistema Google. Stiamo parlando di un sito gratuito per attività locali e piccole, non certo per chi necessita di grande visibilità. E potrai aggiornarlo facilmente, in quanto è praticamente impossibile “fare danni”. Anche Mailchimp di recente ha introdotto il suo Mailchimp Website Builder che è ancora in fase beta, come spieghiamo in questo articolo.
  • Un sito web ha valore per la ricerca solo se compare tra i primi 4/5 risultati nella SERP: obiettivo difficile da raggiungere senza pubblicità a pagamento o una consulenza SEO molto approfondita, che ha costi elevati.
  • Un sito web richiede tempo per essere visibile, non solo denaro. Prima di tutto non è detto che la web agency abbia molto tempo da dedicarti, poi vi è l’eterno problema della scrittura dei testi: il cliente non è un esperto di copywriting, la web agency non ci capisce nulla della tua attività. Mesi, quindi! Contro i 15 minuti necessari per inserire i primi dati in My Business e incominciare a farti trovare da nuovi clienti.

Insomma: il sito web è un argomento delicato, da affrontare con cura e sapendo che comporta una strategia di promozione che va ben oltre i testi e le foto che inserisci. Per la prima fase, un sito web gratis con My Business può davvero aiutarti ad entrare nel digitale senza perdere troppo tempo e denaro.

Al lavoro per acquisire nuovi clienti!

Per concludere: se sei arrivato fino in fondo a questo mio articolo beh…allora spero di averti convinto che il local marketing, facendo anche uso di tecniche del digital marketing è davvero importante per la trasformazione digitale della tua azienda! Impara a essere aperto a ogni novità perché questo è fondamentale nella vita e non solo nel business.


Fatichi ad orientarti nel mondo di Google My Business, delle recensioni, di Facebook e delle campagne di email marketing? Non spaventarti! Siamo qui per aiutarti e ti assicuro che, prima di tutto, lo facciamo per passione! Siamo un’agenzia web marketing Milano e Ticino che si occupa solo di local marketing.

Chiamaci oggi per una consulenza gratuita sul local marketing e un regalo, lascia un tuo commento o una domanda e ti risponderemo volentieri! Per il momento, ecco 3 semplici e formidabili strategie da noi proposte per la tua attività.


Che cosa è il local marketing?

recensione Google

Il local marketing è l’insieme di alcune strategie utilizzate normalmente nel digital marketing che possono essere applicate ad attività commerciali geolocalizzate, ossia aziende che operano all’interno del proprio territorio con lapropria comunità locale (presso la propria sede o anche a domicilio). Gli strumenti digitali a disposizione del local marketing sono vari: Google My Business, le recensioni, l’email marketing, Social networks, sito web, app e altri. Questi strumenti ti permettono di avviare la trasformazione digitale della tua PMI geolocalizzata e trasformare il tuo approccio al marketing. Il marketing locale.tral’altro, trae molti spunti e vantaggi dai principi del Growth Hacking


Iscriviti alla Newsletter

Perché iscriversi alla Newsletter?

Per essere il primo a poter leggere i nostri nuovi articoli. Per ricevere le nostre offerte per lanciare la tua attività locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.